Come capire quando il gatto è ipertiroideo

Riconoscere un gatto ipertiroideo non è sempre semplice, ma notando determinati cambiamenti e accompagnandolo dal veterinario se si notano uno o più sintomi che potrete leggere in seguito si può diagnosticare l’ipertiroidismo e fargli iniziare una terapia che gli consentirà di avere una vita quanto più appagante.

L’ipertiroidismo è una malattia molto comune nel gatto, causata da un’eccessiva produzione di ormoni tiroidei e colpisce gatti di entrambi i sessi, indipendentemente dalla razza e soprattutto quelli più anziani, infatti solo circa nel 6% dei casi i felini hanno meno di 10 anni, quindi se il vostro gatto ormai è anziano e presenta uno o più sintomi che elencheremmo in seguito forse avete davanti un gatto ipertiroideo ed è il caso di portarlo al più presto dal veterinario.


Ecco i sintomi più comuni che presenta un gatto ipertiroideo:

  • Perdita di peso – sintomo comunissimo presentato da circa il 95-98% dei gatti che soffrono di questa malattia;
  • Aumento dell’appetito – si stima che la percentuale dei gatti che presentano questo sintomo sia compresa tra il 67 e l’81%;
  • Aumento della sete;
  • Urinazione frequente;
  • Pelo dall’aspetto poco curato;
  • Iperattività;
  • Vomito – sintomo riscontrato in circa la metà dei casi in cui viene diagnosticato l’ipertiroidismo.

Gatto ipertiroideo: diagnosi

Dato che si tratta di una malattia che colpisce i gatti anziani i sintomi spesso possono essere confusi con quelli di altre malattie, ma alcuni esami del sangue come l’emocromo, il biochimico e l’esame delle urine possono confermare se si ha a che fare con un gatto ipertiroideo, inoltre il veterinario generalmente esegue anche una palpazione a livello dei lobi della ghiandola tiroidea per verificare se sono ingrossati ed alcune volte effettua anche ecografie ed altri esami simili.

Gatto ipertiroideo: trattamento

Per trattare un gatto ipertiroideo generalmente il veterinario prescrive una terapia farmacologica, ma dipende dalle cause che hanno provocato la malattia che, se è stata causata dalla presenza di un tumore molto probabilmente prima effettuerà un intervento chirurgico e solo in seguito prescriverà eventuali farmaci, inoltre esiste anche la terapia con lo iodio radioattivo che è particolarmente efficace per curare questa patologia, anche se le strutture attrezzate per questo tipo di terapia sono ancora poche ed il gatto ipertiroideo, affinché possa usufruire di questo tipo di cura non deve avere problemi ai reni.

Prevenzione e controlli dopo la diagnosi

Effettuando regolari controlli al gatto anche se non si riesce a prevenire questa malattia aiuta a scoprire la patologia in tempo e garantire al gatto ipertiroideo una vita di qualità, inoltre, anche dopo aver appurato che soffre di questa malattia è necessario accompagnare il felino dal veterinario per i controlli di routine, in base alle indicazioni che vi verranno date.

Se vuoi leggere altro su questa patologia ti invitiamo a visitare questo link: https://www.clinicaveterinariasantanna.com/malattie-e-prevenzione-cani-gatti/ipertiroidismo-gatto/