Tosse cardiaca nel cane: come riconoscerla e rimedi per contrastarla

Come accade negli umani, anche nei nostri amici a quattro zampe possono verificarsi patologie varie e riconoscere i sintomi è importante per poter agire in fretta e contrastare l’insorgenza di complicazioni. Per esempio, riconoscere la tosse cardiaca nel cane può essere fondamentale per assicurargli le cure necessarie il prima possibile ed uno stile di vita adeguato.

Infatti, anche se pure i cani possono sviluppare tosse che spesso indica la presenza di un disturbo respiratorio (polmonite, tracheite, bronchite, etc.), in determinati casi questo sintomo può essere un segnale collegabile ad una patologia cardiaca e non respiratoria.

La tosse cardiaca nel cane si presenta principalmente negli esemplari anziani e generalmente è accompagnata da affaticamento, inoltre è più probabile sentire il cane tossire di notte. In questi casi è importante accompagnare Fido dal veterinario al più presto per i controlli necessari.
(altro…)

Morbo di Cushing nel cane: alimentazione e accorgimenti importanti

Generalmente riscontrabile in esemplari che hanno almeno sei anni di età, il morbo di Cushing è un disturbo causato dall’eccesso di cortisolo che si riscontra nel sangue del cane, condizione che può essere causata da un tumore a livello delle ghiandole surrenali o da una disfunzione che comporta una produzione eccessiva di cortisolo e se la malattia non viene diagnosticata in tempo la vita del nostro amico a quattro zampe si accorcia, così come la qualità della sua vita.

Fortunatamente, oggi il morbo di Cushing nel cane, se diagnosticato in tempo permette la prescrizione di una terapia farmacologica specifica che è in grado di garantire una buona qualità della vita del nostro amico peloso, ma questo non basta, in quanto anche l’alimentazione per il cane con il morbo di Cushing deve essere curata in maniera adeguata.
(altro…)

Come capire quando il gatto è ipertiroideo

Riconoscere un gatto ipertiroideo non è sempre semplice, ma notando determinati cambiamenti e accompagnandolo dal veterinario se si notano uno o più sintomi che potrete leggere in seguito si può diagnosticare l’ipertiroidismo e fargli iniziare una terapia che gli consentirà di avere una vita quanto più appagante.

L’ipertiroidismo è una malattia molto comune nel gatto, causata da un’eccessiva produzione di ormoni tiroidei e colpisce gatti di entrambi i sessi, indipendentemente dalla razza e soprattutto quelli più anziani, infatti solo circa nel 6% dei casi i felini hanno meno di 10 anni, quindi se il vostro gatto ormai è anziano e presenta uno o più sintomi che elencheremmo in seguito forse avete davanti un gatto ipertiroideo ed è il caso di portarlo al più presto dal veterinario.

(altro…)

Il miglior cibo per gatti: esiste?

Adottare un gatto nella vostra casa è un gesto stupendo, rispetto ai cani hanno bisogno di meno cure, ma non per questo devono essere trascurati anzi, diciamo che hanno bisogni diversi.

Lo stomaco del gatto è molto più delicato rispetto a quello del cane, ed è per questo che è bene scegliere accuratamente il cibo da somministrargli.

In questo articolo parleremo, come avrete già intuito dal titolo, di cibo per gatti. Cosa c’è da sapere, quali sono le migliori marche.

(altro…)

Cause, sintomi e cure dell’artrosi nel cane

L’artrosi nel cane è una malattia degenerativa che può colpire anche esemplari giovani, di qualsiasi razza e di ogni tipologia di taglia.

Si tratta di una degenerazione delle articolazioni che può causare dolore e fastidio durante la deambulazione ed in altri momenti della giornata, disturbi che vengono provocati proprio dalla degenerazione che sta avvenendo a livello articolare.

(altro…)

Come si effettua la pulizia dentale nei cani e perché è importante farla

Grazie ad un PH basico difficilmente i cani sviluppano carie, ma già dal terzo anno di età possono soffrire di ascessi, gengiviti, alitosi ed altre patologie del cavo orale, la pulizia dei denti nei cani è un’azione fondamentale proprio per prevenire questo genere di disturbi.

(altro…)

Come alimentare il tuo gatto in modo sano

Il gatto, in quanto felino, possiede una struttura anatomica predisposta alla caccia, con una dentatura idonea  a bloccare la preda e muscoli mandibolari molto forti che gli permettono di mordere in maniera incisiva.

Ha quindi bisogno di un’alimentazione prevalentemente a base di carne, in particolare pollo, manzo, cavallo, maiale, pesce e frattaglie. Occorre però fare attenzione alla carne di fegato che, in dosi eccessive, può provocare nel gatto un sovradosaggio di vitamina A.

Contrariamente a quanto avviene per gli alimenti proteici, il fabbisogno di alimenti non proteici come carboidrati (cereali e verdure) è abbastanza limitato; occorre quindi evitare di somministrare troppi cibi industriali cotti che contengono cereali e possono contribuire all’insorgenza di alito cattivo, flatulenza e placca dentale.

(altro…)

Sverminazione del gatto: come farla e a quali prodotti affidarsi

Per tutti coloro che decidono di prendere un gatto, è importante sapere che diventa necessario controllarlo con visite periodiche dal veterinario, e sottoporlo alle vaccinazioni di routine. Se avete un cucciolo, prima di ogni altra vaccinazione è necessario effettuare la sverminazione, per liberarlo dai parassiti che sono presenti all’interno del suo intestino. Sverminare il gatto diventa importantissimo, perché elimina tutti i parassiti pericolosi, che sono presenti nell’organismo, salvaguardando la sua salute. La cosa importante da sapere è che si effettua in maniera veloce e indolore per l’animale.

(altro…)

Vermifugo per gatti: ecco i prodotti migliori da usare

Non solo i cani, anche i gatti devono essere sverminati, perché il loro organismo è attaccato da vermi, che possono mettere a repentaglio la loro vita. Anche per il gatto, non solo in cucciolo deve essere trattato con un vermifugo gatti, ma allo stesso modo anche quello in età adulta ha bisogno di essere sverminato. Questa profilassi, che deve essere effettuata con cadenza annuale, consente di evitare che il vostro amico a quattro zampe possa essere attaccato da parassiti. E’ chiaro che bisogna tenere in grande considerazione anche la zona dove vive il gatto, e il tipo di vita che conduce. Quindi, nel caso il felino passi la maggior parte della giornata fuori casa, è obbligatorio effettuare questa profilassi, per scongiurare qualsiasi pericolo.

(altro…)